10 novembre 2020

LA NUOVA CODOGNO SIAMO NOI

 

Titoli su tutti i giornali.

L'ospedale San Gerardo di Monza  allo stremo. Le sirene delle autoambulanze si percepiscono ad un ritmo che non ricordavo nemmeno ai tempi della prima ondata.

Il sindaco di Monza, Dario Allevi, sta chiedendo aiuto anche all'estero oltre che al governo italiano per avere i medici e gli infermieri dell'esercito.

Il bollettino medico di ieri dava chiari numeri: 4777  positivi in Lombardia di cui 874 in Brianza.

320 medici e operatori sanitari sono a casa perché contagiati. A Monza è stata sospesa l'accettazione per i malati in codice verde ( i cosiddetti pazienti non gravi - ho già affrontato l'argomento in due precedenti post).

A Desio, la mia città, tutti i posti Covid in ospedale  sono stati occupati. E il ritmo del contagio aumenta.

Avrei voluto continuare con i post positivi, per cercare di tenere lontana l'ansia. Ma scusatemi se oggi non ci riesco.

42 commenti:

  1. La situazione da voi è davvero grave. Chissà cosa si potrà fare ma spero in velocità.
    Da noi è sicuramente più preoccupante, ovviamente non come li. Però rispetto a prima molti intorno a noi hanno il virus, alcuni più gravi altri meno. Nella prima ondata non era così.
    Le misure dovrebbero essere più severe ovunque. E la gente, soprattutto i ragazzi, più responsabilizzati e controllati.
    Forza Mariella, vedrai che le buone notizie arriveranno presto. Una bacio enorme, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La situazione è grave ovunque.
      Ma nel nostro caso le terapie intensive hanno superato di gran lunga il livello critico. Sono molto preoccupata e non lo nascondo. Anche tu devi stare molto attenta visto il tuo lavoro. Sai che il mio pensiero è sempre su di voi che siete lontani🧡

      Elimina
  2. Speriamo che la situazione migliori, speriamo che arrivino gli aiuti richiesti.
    Un abbraccio Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo Valeria, non ti nascondo che l'ansia non riesco più a buttarla alle spalle o a far finta di nulla. Grazie per l'abbraccio che ricambio forte.

      Elimina
  3. Mi spiace moltissimo !!! Anch'io sono in zona rossa, dall'altra parte di Milano rispetto a te, la situazione è seria ma non così, come da voi. Forza, speriamo che arrivino degli aiuti. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mirti, ho cercato per doversi giorni di non pensarci, ma la situazione qui si aggrava sempre più e per adesso le richieste di aiuto restano inascoltate. Grazie, ricambio l'abbraccio.

      Elimina
  4. Carissima ti sono vicina e mi angoscia saperti al centro di questa pandemia. Immagino che tu sia a casa e l'unica cosa è chiudersi dentro; fatti portare anche la spesaq
    Un super abbraccio Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, questo post è uscito di getto. Non sono tipo da vittimismo e commiserazione, non è da me. Mi sono anche chiesta se aveva senso o meno pubblicarlo. Alla fine, le persone possono giustamente pensare che siamo tutti nella stessa barca di non farla troppo lunga e che sarebbe passato nel silenzio generale.Poi mi sono detta che ero io ad avere bisogno di uno sfogo e l'ho postato. Non sono tranquilla questa è la verità e devo nascondere la situazione e la mia preoccupazione soprattutto ai miei genitori. E mi fa star male, perché il conforto, una parola amica, fanno bene. Sempre. Anche se non si risolve nulla. Grazie per il tuo affetto che percepisco sempre forte pure attraverso il video. La spesa non lo so, qui è tutto intasato e gli ordini non si riescono a fare. Però sono abbastanza tranquilla su quel fronte: non penso avremo problemi per un po'. Ti abbraccio anche io🧡

      Elimina
  5. Che aspetta infatti il Governo a fare intervenire le forze armate tutte? Boh...

    RispondiElimina
  6. Mi dispiace tanto Mariella. La sensazione generale è che nessuno avesse capito cosa ci aspettava o, peggio, pur sapendolo si è fatto finta di niente. Ti abbraccio forte e incrocio le dita per tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, lo sapevano eccome. Ma hanno cercato di salvaguardare questa estate, quel poco di economia che si poteva e fidandosi degli italiani. Considerando come erano stati ligi durante il lockdown. Invece è stato un liberi tutti. Adesso noto un egoismo che durante la prima fase non esisteva. Non gliene frega nulla a nessuno delle persone, delle zone rosse, delle criticità, si pensa solo a se stessi. Per questo sono terrorizzata. Io che sono sempre stata attenta, che non ho mai rischiato l'incolumità altrui, che ho sempre indossato la mascherina, anche se d'estate era quasi impossibile tenerla su. E ancora mi ricordo chi raccontava che la portava al collo,perché dava fastidio, riuscendo a misurare a vista, il distanziamento giusto. Inaccettabile. Ti abbraccio anche io, speriamo bene.

      Elimina
  7. "A Monza è stata sospesa l'accettazione per i malati in codice verde"
    Questa la ritengo la cosa più grave: malati di serie A e di serie B, grazie a una pessima gestione amministrativa del settore sanitario! L'esperienza dovrebbe insegnare ai governanti che alcuni settori non vanno sottoposti a tagli di finanziamenti... E invece pronti a supportare forze armate, a tenere alti gli stipendi dei parlamentari (peraltro spesso assenteisti). Quanto mi rode che la mortalità di covid tra i politici è minima! E' un pensiero cattivo, ma se penso a quei poveri visoni sterminati perché non si vogliono chiudere gli allevamenti che sono ricettacolo delle mutazioni del virus, che crepino 'sti maledetti incompetenti ed egoisti! Bei funerali faranno coi capitali che hanno accumulato sulle tasse alla gente onesta e sensibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho ampiamente parlato, sul mio blog, dei rischi che corrono tutti i malati che hanno altre patologie diverse dal covid. E al di là del cancro, delle malattie degenerative, dei cardiopatici, degli interventi se pur non gravi ma in ogni caso importanti, come anche visite di controllo su pazienti con patologie croniche, in questo momento, la priorità è il covid. Purtroppo è così. Bisogna farsene una ragione.Soprattutto perché abbiamo un apparato sanitario, da troppo tempo allo sbando. E non ci sono le strutture, in primis. Tutte le promesse fatte nella prima fase, sono state disattese. Dovevano ampliare reparti, decuplicare le terapie intensive, incrementare le attrezzature. Invece siamo messi quasi come a marzo, con l'aggravante che la seconda ondata, e di gran lunga peggiore della prima a livello di diffusione.
      Io non auguro la morte a nessuno, ma di sicuro ci sono colpevoli che prima o poi la giustizia dovrà individuare.
      Ne riparleremo.

      Elimina
  8. Hai fatto bene Mariella.. la situazione non per nulla serena, anche qui a Roma, dove ancora troppi sembrano fregarsene come se ne sono fregati per tutta l'estate.. ti dico la verità, spero nel vaccino, nei vaccini, nei miracoli della medicina, ma anche di tutto il personale medico, come al solito chiamare a togliere le castagne dal fuoco con pochissime risorse.. un abbraccio forte.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franco, davvero ho avuto bisogno di sfogarmi un po'.
      Anche io ho fede nei vaccini, l'unico strumento che ci permetterà di buttare questa brutta storia alle nostre spalle. Ma intanto qua si ha paura. L'unica certezza purtroppo.

      Elimina
    2. E sono ben preoccupata anche per la situazione fuori controllo a Roma, sai che parte della mia famiglia vive in zona.
      Mia sorella mi racconta di situazioni raccapriccianti... una vergogna.

      Elimina
    3. Ieri mi ha dato fastidio la Dandini dalla Gruber, per fortuna rimessa in riga da Travaglio: "A marzo c'era una luce, ora neanche quella". Per creare panico non c'è male.. ora abbiamo bisogno di responsabilità, quella che è mancata passata la tempesta di marzo/aprile, ma abbiamo anche una luce autentica, rappresentata da questo benedetto vaccino.. voglio essere ottimista.. ma intanto che ognuno di noi faccia il suo..

      Elimina
    4. Sicuramente con la nuova ondata c'è meno coesione e più egoismo, siamo più spaventati di prima. Ma i discorsi bui di certo non aiutano. Voglio sperare anche se non so bene in cosa...la strada per il vaccino è ancora lunga come l'inverno alla mercé del virus.

      Elimina
  9. Ti do solo due numeri di ieri, Mariella.
    Il mio paese, Castello d'Annone, meno di duemila abitanti ha 22 contagiati alla data di ieri.
    SEmpre alla stessa data, Asti nemmeno 77 mila abitanti ha un numero di morti pari a 286 vittime, e 749 positivi.

    Io mi chiedo solo perchè abbiano dormito tanto a Roma. Invece di parlare dei banchi con le rotelle potevano pensare alla seconda ondata chge già si sapeva sarebbe arrivata.
    Intanto, ospedali aperti e attrezzati per la prima ondata qui in Piemonte sono stati chiusi.
    In ASti ci sono la ex maternità e l'ex ospedale chiusi da anni e inutilizzati.

    Altro non dico perchè sono incazzata!
    Ciao bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ho letto i vostri numeri e subito ho pensato a te , alla tua mamma, a tua figlia lontana.
      E al vicino di casa che faceva festini in pieno lockdown. Solo che adesso è peggio, molto peggio rispetto a marzo. L'epidemia si sta diffondendo a macchia d'olio, i tracciamenti sono fuori controllo. I numeri sono altissimi, i morti troppi.
      Cosa abbiamo fatto a Roma, resta un mistero su cui prima o poi, si dovrà indagare. È necessario, per rispetto di tutti quei numeri che non sono affatto numeri ma persone, lasciate morire da sole.
      Altro che incazzata, io sono furiosa.

      Elimina
  10. brutta, brutta situazione... speriamo bene!!!

    RispondiElimina
  11. Ma non lo sai? Si tratta di finzione.
    Ambulanze fanno viaggi a vuoto per spaventare, i reparti sono vuoti...
    E questo secondo TANTA GENTE COVIDIOTA, purtroppo.
    E invece eccoci, come a marzo.
    Da pazzi.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ne becco solo uno a sparare cazzate, lo prendo per il collo e me lo porto a casa, così dal balcone lo vede e lo sente a che ritmo "si divertono" i paramedici delle autoambulanze.
      Delle merde sono, altroché.

      Elimina
  12. Siamo tutti in preda alla paura. La situazione non è mica come in marzo, dicono, ma gli ospedali sono tutti pieni, i morti salgono ogni giorno...

    PODI-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qua la paura si tocca con mano e siamo solo all'inizio della stagione invernale...tremo al pensiero dei mesi che ci aspettano.

      Elimina
  13. Nell'ospedale dove lavoro, il pronto soccorso è al collasso, ci sono alcuni giorni dove non si trova una barella per ospitare i pazienti. La cosa più grave è che i reparti di specialità sono stati riconvertiti in reparti covid. Non discuto nemmeno più con chi nega ciò che sta accadendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amico mio, il mio pensiero va spesso a te e a chi è in prima linea da quasi un anno. Quello che testimoni non ha bisogno di essere commentato. Dobbiamo solo fare ognuno la nostra parte ed evitare di cadere nel gioco dei negazionisti, il lato più oscuro di tutta questa stagione. Ti abbraccio.

      Elimina
  14. Stavo proprio pensando a te ieri ed in questi giorni il fatto che continui a scrivere mi rasserena. Fate tutti molta attenzione. E speriamo che quel vaccino della Pfizer possa risolvere tutto. Io ho pensato spesso che i nostri politici e non solo abbiano fatto gravi errori di gestione e non solo, questo non significa negare l'esistenza del virus. Lo so, concludo in modo ripetitivo ma non posso farne a meno, riguardati, riguardatevi tutti.

    RispondiElimina
  15. Situazione drammatica in tanti ospedali, speriamo bene.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La situazione è davvero pesante.
      Da me è palpabile la preoccupazione. Speriamo che nom crolli l'intero sistema.

      Elimina
  16. Mariella, la mia ansia non c'era mai, dopo la mia malattia c'è ansia con tante pillole e non penso me stesso. Ma come sono tranquillo e 'prego per tutti voi e la pace delle famiglie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Francesco, comprendo le difficoltà della tua malattia. E ti ringrazio dal profondo del cuore per le preghiere.
      Un abbraccio.

      Elimina
  17. L'unica cosa che posso fare è abbracciarti forte e trasmetterti la mia positività. Prego perché la serenità torni nella case di tutto il mondo e fatti coraggio cara. Un abbraccio forte forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vivì, prendo i tuoi abbracci e la tua positività facendoli miei. Ne ho davvero bisogno come tutti. Grazie per le tue preghiere, speriamo che formino una colonna in grado di arrivare oltre le nuvole fino a destinazione.
      Ti abbraccio forte anche io.

      Elimina
  18. Mari carissima, capisco assolutamente che uno sfogo sgorga su da dentro davvero quando passano i giorni e le cose sono quelle che sono, con allarmi sempre più seri. Tu sai già che ogni volta che sento in TV nominare Monza e Brianza il mio pensiero va a te.
    Qui da noi pur se i numeri sono meno grandi la cosa è preoccupante, io posso dire che l'essere assorbita da tutto ciò che devono fare i miei monelli, tra videolezioni che occupano intere mattine, tanti (ma tanti) compiti pomeridiani, le terapie che ancora stanno facendo presso il centro di riabilitazione mi aiuta a tenere la mente impegnata... ma non è facile, non lo è.
    E ancora, ancora c'è chi fa l'idiota che nega tutto o l'irresponsabile che non rispetta le norme basilari per cercare di arginare la diffusione del virus!
    Non ci sono parole.
    Non smetto di pensarti e di mandarti un abbraccio forte. Dobbiamo tener duro, tirar fuori ogni risorsa che abbiamo per non farci schiacciare dall'angoscia.
    E sperare che le decisioni di chi ci governa siano illuminate (cosa che non sono state sempre purtroppo finora...) e che la scienza e la medicina diano risposte valide al più presto.
    💚

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica mia, lo so che mi pensi, non mi fai mancare mai il tuo affetto, soprattutto ora.
      L'altro giorno ti avevo detto che cercavo di rimanere serena, nonostante tutto. Ma come dici tu, non è facile per nulla. Basta niente, il suono sempre più frequente delle sirene, il silenzio innaturale tutto attorno, Io lavoro e mi distraggo ma poi i pensieri tornano nuovamente a farmi compagnia. Le preoccupazioni per i miei cari, che sono giù, nella tua stessa regione, mia sorella e la sua famiglia, a Roma. Gli amici tutti, voi compresi. Insomma, un turbine che non mi abbandona e che mi tiene sveglia la notte.
      Bisogna farsi forza, hai perfettamente ragione. Ma quando sento discorsi assurdi in rete o leggo di gente senza senso e senza scopo, delle amebe imbruttite dall'ignoranza, vengo accecata dalla rabbia oltre che dal dolore per le persone che, ogni giorno, continuano ad andarsene da sole. Insomma tempi bui, dobbiamo scavare ben in fondo per ritrovare la forza e il sorriso.
      Ce la faremo, mi preoccupa il tempo.
      Ti e vi abbraccio forte come sempre.
      GRAZIE

      Elimina
  19. Coraggio ..ti mando un grandissimo abbraccio ❤❤❤
    Speriamo che raggiunto il picco..poi cominci una velocissima regressione..
    Purtroppo stiamo pagando le leggerezze di questa estate ..liberi tutti..e via come dovessimo recuperare una vita da ergastolani ..mascherine ma va!!
    Adesso purtroppo la paghiamo cara ...molto cara!
    Abbracciò grande❤❤❤❤❤❤❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Tissi. Sono su di un'altalena che sale e scende. Speriamo che si vedano presto i risultati della nuova chiusura. Ti abbraccio forte e se puoi leggi il post di oggi😘

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)