26 novembre 2020

RIFLESSIONI:DOVREI...

Mariellaesseci - riproduzione vietata

 

Sono seduta sul divano, una gamba ciondola nel vuoto, l'altra , accartocciata, è ben incollata alla seduta della chaise lounge. Mi arrotolo un ciuffo di capelli sul dito e intanto guardo la pila di libri davanti a me, facendo finta di concentrarmi sui titoli. 

Un attimo e  mi distrae il tramonto dietro la finestra del balcone. Le nuvole sono rosso fuoco, corrono come bambini al parco, non gli interessa per nulla il silenzio sottostante. Equidistanti da tutto, piano piano abbandonano il colore e scoloriscono. Qualche minuto ancora e non le vedrò più, mentre  la grande villa ottocentesca di fronte si accende di luci bianche artificiali che la fanno sembrare ancora più avulsa dal contesto, la città che si spegne. Non so cosa aspettarmi, ho già descritto i momenti di sconforto dovuti all
'aggravarsi della situazione. Ma oggi non voglio che l'incertezza prenda il sopravvento. Questo anno, se ci pensate, è volato via di corsa come un treno ad alta velocità. E ci ritroviamo attoniti quasi a destinazione senza sapere se, come e quando,  arriveremo in stazione.

Dovrei ma non chiudo gli occhi, voglio tenerli ben aperti: annotare tutto, non perdere un istante. Sentire dentro di me ogni cosa:  la riga che leggerò, la parola che udirò. Il rumore dei miei tacchi,  il profumo che sceglierò, la morbidezza di ogni abito che indosserò. Ogni giorno, tutti i giorni. Sarà ancora attesa, ma la riempirò di vita.











35 commenti:

  1. Riempire ogni giorno di vita... che bella considerazione. Credo che da un po' abbiamo dimenticato di goderci le piccole cose, le cose semplici, le cose di ogni giorno e questo momento dovrebbe aiutarci a riscoprirle. Adoro la tua scrittura, cosi accattivante ed espressiva, se dovessi mai scrivere un libro, sarò una dei tuoi primi lettori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo perso il "gusto" della normalità rimanendo sospesi in un limbo colmo di attesa. Le piccole cose sono molto importanti, ce ne siamo accorti quando le abbiamo perse. Allora è necessario ridare loro la giusta dimensione.
      Grazie Flo' cara, molto bello quello che hai scritto sulla mia scrittura. Chissà, dovesse succedere, sarai tra le prime a saperlo.
      Ti abbraccio e buona giornata.

      Elimina
  2. Concordo con Woman, nel tuo DNA c'è il "dono" della scrittura. Quando ti leggo lo faccio quasi col fiato sospeso, aspettandomi una straordinaria traduzione dei tuoi pensieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, anche tu che bel complimento!
      Io non so se riesco a farvi percepire i miei pensieri aiutandomi con le parole, non è facile. Ma se vi regalo emozioni come queste, non posso che ringraziarvi.
      Abbraccio Cri, buona giornata.

      Elimina
  3. Volevo anche dirti che anche a me capita di aver 'fame' di vita ( ragione di più alla mia età, penserai) , Mi è sempre piaciuto attardarmi un poco a letto, al mattino, ora già verso sette mi agito, mi giro e rigiro tra le coperte e dopo poco mi alzo.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io, invece, ho sempre dormito poco, ho fretta di alzarmi, di riempire le ore. È capitato solo un periodo nella mia vita in cui era faticoso, ma era collegato alla depressione.
      Comprendo bene la tua "fame" di vita, mio papà la pensa come te. Ha voglia di vedere, viaggiare, di nuovi stimoli. Solo questo virus lo ha bloccato. E tutti dobbiamo alla sua forza e al suo non lasciarsi andare la "ripresa" di mia mamma dopo la malattia.

      Elimina
  4. Hai ragione.. quest'anno, pur nei suoi blocchi, i suoi stop, i lockdown, i rallentamenti continui..paradossalmente sta volando via, con le vacanze mancate, le cene rinviate, gli incontri saltati.. è tutto un frenetico posporre..e il prossimo anno sarà bulimico, quasi a dover recuperare, ma spero senza far ancora più danno.. di questo anno che vola via, vorrei trattenere una nuova coscienza. Chiedo troppo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello, trattenere una nuova coscienza, lo aggiungo alla mia lista positiva di quel che porterò con me alla fine di questo periodo.
      Bacio.

      Elimina
  5. È vero,... l'anno ha passato veloce, in realtà ma non sembra che finisca il prossimo 31 dicembre... Sembra che 2020 continuerà durante 2021, che non abbia voglia di andarsene via...
    Comincia a piovere, qui a Barcellona, non è ancora spuntata l'alba, qui a Barcellona, e inizia a piovere.

    Io continuo con la prima colazione.
    Buona giornata a tutti.

    PODI-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non riesco ad immaginare Barcellona sotto la pioggia, è così solare...
      Ho un ricordo meraviglioso della tua città, mi sembra di avertelo già detto.
      No dai, ce lo butteremo alle spalle questo 2020, vedrai.
      Tutto bene a casa?
      Buona giornata e grazie.

      Elimina
    2. Un saluto alla città spagnola che conosco meglio (visitata con una residente di Barcellona).
      Cesare

      Elimina
    3. E quante buone tapitas de queso!

      Elimina
    4. Io ho mangiato la migliore paella della mia vita, in riva al mare!

      Elimina
    5. Veramente, io di solito dico quando piove che "piove sulla città in cui mai non piove".

      Per il momento siamo ritornati alla situazione di ottobre a casa, e ciò è buono; grazie.

      PODI-.

      Elimina
    6. Mi fa piacere siate di nuovo tutti insieme. Un abbraccio e buon sabato. Qui a Milano tanto sole😘

      Elimina
  6. Assaporare questi momenti di grazia serena è molto bello. Nella nostra vita le incertezze non devono prendere mai il sopravvento. Che bella la foto crepuscolare. E le tue parole sembrano la sequenza di un video. Bacio sorella cara e buon Venerdì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si vero, dobbiamo assaporare ogni attimo con la massima serenità, per cogliere il meglio.
      Wow un video, che bellezza, grazie!
      Potrei fre la sceneggiatrice, mi piace un sacco. Lo aggiungo alla mia pazza lista dei desideri...
      Bacio a te e buona giornata!

      Elimina
  7. Giusto non devono toglierci il gusto delle cose che facevamo prima sia di quelle ancora permesse che soprattutto di quelle vietate e questo nonostante lo sconforto possa a volte prendere il sopravvento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna trovare il modo di riconquistare la serenità perduta. E allora impariamo a far caso alle piccole cose, quelle che abbiamo sempre dato per scontate.

      Elimina
  8. ...sarà ancora attesa, ma la riempirò di vita...Bellissima questa frase.
    Buona giornata, piena di piccoli istanti, Valeria

    RispondiElimina
  9. Nonostante tutto, siamo quasi arrivati all'ultimo mese di questo strano anno, fatto di paure, incertezze, noia... ancora adesso, chiusi in casa, non sappiamo quando finirà e cosa dobbiamo aspettarci dal futuro. Io ho cercato di riempire le mie giornate con i miei passatempi preferiti: leggere, ricamare.. perchè non voglio abbattermi e aspetto, non so neanche io cosa. Dobbiamo cercare di assaporare ogni attimo con serenità, comunque, inutile farsi prendere dalla rabbia e dallo sconforto. Bellissima la tua frase finale e anche la tua foto. Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Mirty, il tuo è il modo giusto per andare avanti, occupare il tempo dell'attesa facendo quel che più ti piace.
      Adoro fotografare mi fa piacere ti sia piaciuta la mia foto. Vista dal balcone di casa mia.
      Ciao!

      Elimina
  10. Nei momenti peggiori trovare sempre un modo d'esser ottimisti, anche se quest'anno è più dura del solito..

    RispondiElimina
  11. Cara Mariella, sono fatalista e di conseguenza vivo questo periodo, che sarà ancora molto lungo, con moderata rassegnazione, seguo i protocolli e mi adeguo ma per il resto la mia vita continua, con qualche restrizione, ma non diversa da prima. Negli anni passati in questo periodo mi preparavo per la montagna la neve e lo sci,sarà perl'anno prossimo, forse.
    Fino ad oggi sono stato fortunato, nessun lutto in famiglia e allora la vita continua.
    Al virus non ci penso, non ho soluzioni e allora sarebbe solo un inutile esercizio mentale.
    Un caro saluto.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sto provando anche io Fulvio. A vivere giorno per giorno, io che ho sempre guardato dritto all'orizzonte.
      Una abbraccio e buona serata.

      Elimina
  12. Meglio vivere giorno per giorno che del doman non v'è certezza...oggi poi ancora di meno rispetto al passato. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorenzo Dei Medici sì che sapeva godersi ogni attimo della vita ahahah
      Cerchiamo di andare avanti un passo alla volta.
      Abbraccio Nick.

      Elimina
  13. Bellissimo, sembra fare il paio col mio post di oggi...!
    Anche per me ovviamente un anno strano, veloce, dove comunque ho cercato di fare, riempire, rivivere e costruire... dai ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo sulla stessa lunghezza d'onda:-) Cercare di pensare alle cose che ci piacciono e che ci fanno stare bene, occupare il tempo apprezzando le piccole cose, essere proiettati verso nuovi progetti e con più attenzione ai nostri desideri;)

      Elimina
  14. Riempiro di vita questo momento strano ..momento..anno..!!
    Riempiro di vita .questa vita comunque essa sia .
    È una partita ..per adesso un po in standbye..ma presto riprenderemo ..e allora palla al centro eeee vai!!
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, la riprenderemo in mano noi questa partita. Dobbiamo solo avere pazienza. Finirà. Un abbraccio e buon sabato😘

      Elimina
  15. Ciao penso che vivere con pienezza la vita sia il più bello regalo che possiamo farci.
    Mettere in moto il cervello , fare sport , divertirsi , leggere e chissà quante altre cose , amare.
    Ecco amare.
    Se ami la vita sei già un passo avanti .
    Certo in questo periodo bisogna inventarsi cose nuove per riempire quegli spazi che le restrizioni ci precludono ..ma passerà.
    Scrivi bene, se pubblicherai un libro fai un fischio..io ci sarò.
    E grazie per quello che hai scritto da Cristiana .
    Di cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se sapremo approfittarne una volta usciti dal buco nero della pandemia. Se avremo imparato a riconoscere almeno un lato positivo.
      Io proverò a farlo.
      Ti aggiungo alla lista dei miei prossimi lettori, se mai succederà ahahahah
      A proposito di quel che è successo da Cristiana: in questi anni di frequentazione ti ho letto in molte occasioni, hai sempre improntato i tuoi commenti alla massima sincerità e schiettezza, anche andando contro corrente. E mai, dico mai, ti ho visto insultare qualcuno. Non ho altro da aggiungere su questo argomento. Come direbbe Forrest Gump.
      Un abbraccio.

      Elimina

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere.
(Emily Dickinson)